Luce!

Meccanica, termodinamica, elettromagnetismo, relatività, ...
Rispondi
Avatar utente
info
Messaggi: 903
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00

Luce!

Messaggio da info » 04 ago 2005, 16:33

Ecco qua... se l'ho risolto giusto il problema e carino, altrimenti... beh! Vedremo :D

Tizio superato i confini della galassia ma ha sbattuto la testa e non si ricorda nulla del sistema solare. Riceve la luce di una stella. E il sole! wow! Lui sa la fisica (come voi, no?) e capisce che la presenza di un pianeta come GIOVE puo determinare variazioni della frequenza ricevuta dal sole.

La domanda per il lettore e questa. Conoscendo la massa di Giove, quella del sole, la distanza Giove-Sole e la potenza del sole (utilizzate i dati che vi servono, ho inserito quelli collegati in qualche modo al problema che erano elencati ma non credo servano tutti, magari ne servono degli altri da lasciare incogniti pero, chissa! ), calcolare quali variazioni di frequenza deve sapere misurare Tizio per capire che Giove esiste (supponendo si trovi in una posizione ottimale)..

Avatar utente
info
Messaggi: 903
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00

Messaggio da info » 06 ago 2005, 13:31

Visto che nessuno risponde faccio una domanda: secondo voi ha senso che la luce cambi di frequenza per perdita di energia potenziale gravitazionale???

[io trovavo in questo la causa e dopo facevo i calcoli]

Avatar utente
Paoloca
Messaggi: 88
Iscritto il: 18 apr 2005, 18:11

Messaggio da Paoloca » 07 ago 2005, 17:29

Certo che è possibile, buona idea. Posta tutto.

Avatar utente
info
Messaggi: 903
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00

Messaggio da info » 10 ago 2005, 09:45

Scusa ma al momento non ho molto tempo... e poi sono abb sicuro che il mio ris e errato... Ponendo l'osservatore a distanza infinita mi sembrava che il tutto dipendesse anche dall'eccentricita dell'orbita di Giove... Non ho provato a porre l'osservatore a distanza finita (tipo ai confini della galassia) per vedere se i ris avevano piu senso... (in tal caso cmq il ris dipenderebbe dal diametro della galassia)

Cmq le due formule che ho utilizzato sono quelle relative ad un fotone:

E = h * f

m = h / (c *lambda) [cioe si puo considerare il fotone come una particella di quella massa]

con h costante di Planck e c velocita della luce nel vuoto.

Per il resto, meccanica classica... Se vuoi provare a fare i calcoli con il caso finito e vedere se viene qualcosa di sensato mi faresti un piacere...

Avatar utente
Paoloca
Messaggi: 88
Iscritto il: 18 apr 2005, 18:11

Messaggio da Paoloca » 10 ago 2005, 10:44

Ho trovato un IPhO '95 (Th1) sullo stesso effetto (più tosto, ovviamente..).

EvaristeG
Site Admin
Messaggi: 4663
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da EvaristeG » 10 ago 2005, 10:46

Penso che questi esercizi siano intesi da leggersi e svolgersi all'interno della meccanica classica ... la perdita di energia del fotone dovuta al campo gravitazionale di Giove è un'ottima idea, ma i conti sono un poco impraticabili (anche perchè Giove ha un po' di lune che influiscono abbastanza sul suo campo gravitazionale, almeno a certe distanze e trascurarle sarebbe un'approssimazione ingiustificabile).
Inoltre, non viene fornito alcun dato su come sia fatta l'orbita di giove, nè serve...
Per la cronaca, il metodo che il problema vuole sottintendere è effettivamente utilizzato in astronomia.

Avatar utente
info
Messaggi: 903
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00

Messaggio da info » 10 ago 2005, 14:01

Grazie ad EvaristeG per aver avvisato che la strada imboccata era errata... A questo punto bisogna inventarsi qualcos'altro... idee??? [a parte improbabili effetti Doppler, non mi vengono in mente cause plausibili...]

cmq Paoloca me spiaz ma non posso aprire file postscript in questo periodo... peccato! magari c'era la soluzione!!!

Avatar utente
info
Messaggi: 903
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00

Messaggio da info » 10 ago 2005, 14:19

Leggendo un articolo (piuttosto divulgativo a dire il vero)... mi pare di avere capito che l'effetto Doppler e quello in questione...

Potrebbe essere cosi la questione:

Giove ed il sole ruotano attorno al CM comune (ipotesi semplificatrice ???) . Supponiamo che questo CM si stia allontanando dall'osservaotore con velocita v... ma allora la velocita relativa del sole oscilla tra v+v' e v-v' con v' velocita di rotazione di conseguenza anche le frequenze cambiano...

come si considerano gli altri pianeti non so... mmm... ora provo!

EvaristeG
Site Admin
Messaggi: 4663
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da EvaristeG » 11 ago 2005, 16:54

Info, ci hai preso...
gli altri pianeti sono troppo piccoli o troppo lontani per influire...in realtà, il testo originale parlava di Giove a 1,5*10^12 metri dal Sole...cioè nel mio salotto o nel tuo, più o meno.
L'ipotesi del centro di massa comune non è esageratamente semplificatrice, soprattutto quando uno dei due corpi è molto più grande dell'altro. In fondo non ti serve sapere le condizioni del sole in ogni punto dell'orbita attorno al CM ...

Rispondi