ontologia della physis

Meccanica, termodinamica, elettromagnetismo, relatività, ...

ontology-physis

ontology
2
29%
ontology-physis
5
71%
 
Voti totali: 7

Avatar utente
gpdimonderose
Messaggi: 50
Iscritto il: 06 giu 2008, 23:18
Località: florence
Contatta:

ontologia della physis

Messaggio da gpdimonderose » 07 giu 2008, 01:11

Physis si eventua nella storia dei luoghi ordinari del senso del “mithos”, della sua essenza, della sua presenza qui ed aldilà del mondo i luoghi del “mithos”, anzi meglio la topologia del “mithos”, lo spazio vuoto, la radura, lo spazio libero dalla mondità ove è custodito, curato, evocato e contemplato il Gegenseyn: l’Essere che viene incontro per abitare poeticamente, non solo il mondo, ma l’ikona dell’Essere, l’essenza dell’Essere, l’Essere poetante, l’Essere ontologico, l’Essere ontosofico.
Si eventua così nello spazio e nel tempo del mondo la differenza ontologica: si presenta la topologia dell’Essere mitiko, di là e di qua la topologia fluttuante del mondo dell’Esserci, del mondo virtuale, del mondo immaginario, del mondo ontologico, del mondo poetante.
Il mondo dell’Essere mitiko si getta nella mondità anche quale mondo mitiko, mondo caotico mondo cosmico, mondo caosmico, mondo onirico, mondo estatico e la sua influenza metafisica si dispiega nel mondo etico, epistemico, paradigmatico, ermeneutico.
Quale fondamento della verità dell’Esser mitiko la sua influenza dà senso al kaos, all’invisibile, all’indicibile, all’inaudito, all’assenza presente della sua sacralità provvidenziale: l’unica che ci possa salvare o curare nel mondo dell’aldilà, del bene e del male.

La Topologia dell’ssere mitiko e la sua topologia animata dell’Essere animato che trascende
l’Esserci,ma non è l’Essere ontologico o poetante.
Quelle ontovarietà dispiegano la complessità della fondatezza dell’Essere mitiko nel mondo virtuale, animato, ontologico, immaginario, onirico, metafisico, sinergetico, supersimmetrico e disvelano quanta volontà di potenza ci sia nella storia mitika del “mithos” della topology-dasein.
Volontà di potenza dell’eterno ritorno dell’Essere “mithos”, nell’epochè della storia dell’Esserci, ma anche volontà di influenza egemonica imperativa categorica nella metafisica, ermeneutica, poetica, etica, estetica, epistemè, virtuale, immaginaria, onirica, estatica, mitica, magica.
Nell’Essere “mithos”, l’Essere animato non si adegua, in verità né all’Esserci, né all’Essere ontologico o poetante.
Nel mondo del “mithos” il mondo animato non ritrova l’adeguatezza metafisica, epistemica, razionale, poetica, estetica, etica con il mondo dell’Esserci, né con l’Essere nel mondo cosmico, immaginario, virtuale, kaosmico.
Ma quella differenza ontologica dell’adeguatezza non trascura l’ortogonalità influente della volontà di potenza metafisica della storia mitika del “mithos”, anzi la sua categorica imperativa dà senso, identità, teocrazia storica e trascendentale.
L’Essere “mithos”, quale essere animato nel mondo mitico è la misura di tutto: del kosmo che c’è e del mondo che non c’è, o è invisibile, indicibile, inaudito, mitico, magico, estatico; l’Essere “mithos” è anzi l’unico centro gravitazionale che dà senso, stabilità, pace, e soprattutto e per lo più dà l’impianto, la creazione, la Gestell al mondo dell’Esserci, dell’Esser qui, dell’Esser là, dell’Esser aldilà.
La topologia del “mithos”, quale storia mitika del mito della topology-dasein è la Gestell del mondo e dell’Essere animato, quale Esserci che ci viene in-contro nella sua morfogenesi di Essere animato: e perciò da contemplare e da venerare.
Giacchè solo quell’Essere è “mithos” della physis che ci potrà salvare, o curare, o consolare, o guidare nel destino nella sorte, nell’avventura della storia mitika del “mithos”.
La Topologia dell’Essere “mithos” è implementata nella bistabilità dei sentieri che si biforcano: c’è la superficie della Gestell fondante il mondo dell’Esserci, virtuale, trascendente, immaginario, metafisico, etico, poetico, estetico, sinergetico, cosmico, epistemico, ermeneutico, ma c’è, quale eterno ritorno nella superficie supersimmetrica,l’Essere animato che ci viene incontro nel vuoto ontologico, nella radura libera dal nichilismo, nella singolarità kaosmica del nulla, quale Gestell: contro-Essere, Essere che ci incontra e avviene,si getta nell’Essere ma anche nell’Esserci, per abitarvi con il senso del “mithos” della Physis o dell’Essere animato.
La storia del mito è stata, ed è,sempre interpretata quale volontà di potenza della metafisica imperativa influente: non c’è una storia poetante del mito, né una storia ontologica, né una storia mitica, né una storia ontologica, né una storia mitica nel senso di Topologia del “mithos” dell’Essere più che del mondo o della mondanità.
Il futuro della libertà di ricerca della storia mitica del “mithos” si presenta nel plesso, o nel chiasma, dell’Essere storia della Gestell mitika dell’Esserci e del mondo, e storia della Gegenseyn dell’Esser mitiko che ci in-contra, che avviene in-contro, quale risonanza dell’Essere animato sempre, eternamente ritornante nell’aldiqua dall’aldilà.




L’Esserci mitiko che ci viene in-contro, quale Gegenseyn è la donazione di misura, la misurata topologica del “mithos” e della storia mitika del “mithos” animato che abita poeticamente l’Essere, oltre che il mondo e l’Esserci, si eventua quale stabilità del Kaos, morfogenesi visibile dell’invisibile, koinè, linguaggio comune etico ed etnico dell’indicibile, dell’inaudito, mistero dell’indecidibile, mistico svelato del mito eternamente ed infinitamente interpretato ermeneutica del vuoto silenzio della singolarità del “mithos”, quale storia mitika del “mithos”.
La storia mitika dell’Esser “mithos” è la storia dell’abbandono, della kriptazione, della latenza, dell’oblio dell’Essere ontologico nell’Esser animato: sia quale vivenza dell’Esserci, sia quale vivenza della mondanità eterna, infinita, mitica, indicibile, inaudita.
L’Essere che vi viene in-contro o che si in-contra è l’essere animato che dalla latenza kriptata, custodita, curata, della radura della Topologia dell’Essere, si eventua imperativamente quale misura del tempo e dello spazio, dell’etica e dell’estetica, del kosmo e del Kaos, del bene e del male.
Ma quella gettatezza dell’Esser “mithos” non è semplicemente imperativo metafisico della volontà di potenza quella è solo la sua metamorfosi teocratica, influente, altrimenti il “mithos” sarebbe solo una delle varietà ermeneutiche, epistemiche, estetiche,astronomiche l’Esser gettati, quale “mithos” dell’Essere animato dà stabilità alla più complessa Ontoteologia o Teoontologia.
Aldilà del bene e del male, anzi quale fondatezza che eventua ora l’uno ora l’altro o annienta sia l’unità, sia l’alterità la storia che si getta, quale storia mitika del “mithos” si presenta sempre nella sua varietà ontoteologica influente che si dà, che ci viene in-contro, che si in-contra nei sentieri interrotti del “mithos”, quale metastabilità del Kaos, orizzonte prospettico dell’Esser animato che dà senso all’Esserci, alla vivenza, alla creazione, alla mondità, all’aldilà.
L’Essere animato che si in-contra si getta nell’Esserci, nel mondo, nella vivenza quale impianto imperativo stabile della volontà di potenza dell’Essere Mithos: è la Gestell dell’Essere animato che ci viene in-contro, non quella metafisica, o etica, epistemica, ma quella metastabilità che annienta il Kaos, il nulla, il niente oltrechè l’Esserci preesistente, per fondare la Topologia del “mithos” dal nulla, dall’invisibile, dall’inaudito, dal vuoto cosmico.
La Topologia dell’Essere “mithos” che ci in-contra abita mistericamente il fondamento dell’Esser animato, dell’Esserci della vivenza del mondo: abita la stabilità della Gestell quale venire in-contro della presenza che ci in-contra nell’Essenza dell’Essere.
La stabilità dell’Esser animato è la storia mitika del “mithos” quale controkaos e risonanza che ci presenta davanti di fronte al Kaos per Essere Gestell topologica della radura, del vuoto dell’invisibile, dell’indicibile, dell’inaudito: la storia del “mithos” è la storia dell’Esser di fronte al Kaos, quale Essere animato che ci viene in-contro e che si in-contra nella essenza della vivenza, dell’Esserci, della mondità.
La storia del “mithos” è la storia sia mitika della metastabilità dell’Esser animato che si presenta, si eventua, ci in-contra nella fondatezza dell’Essere, dell’Esserci quale vivenza, del mondo, dell’Essere aldilà.
Il Metaodoseyn è il sentiero ininterrotto del Gegenseyn: eterno ritorno della risonanza dell’Essere che ci viene in-contro, e che si getta alla presenza dell’Essere che si in-contra di fronte, dinnanzi, quale evento dell’Essere animato.


Il gettarsi incontro nella metastabilità della presenza sia quale volontà di presenza o teocrazia,sia quale dono della misura del “mithos” o Ontoteologia, la storia mitika del “mithos “dà senso all’imperativo categorico del Gegenkaos Essere di fronte, davanti, incontro al Kaos del mondo.
Ma la sua presenza si eventua anche nel gettare nell’essenza del fondamento dell’Esserci e della vivenza l’incontro dell’Essere animato, quale Topologia dell’Essere o varietà dell’Essere ontologico.
La storia del “mithos” sarà la storia dell’interfaccia, intervolto, interessere animato che ci viene incontro nel sentiero dell’Essere.
Il campo del “mithos” e l’intervolto dell’interessere topologico animato.
I sentieri del campo del “mithos” sono la risonanza dell’eterno ritorno della storia del “mithos”.
Il campo mitiko è l’intervarietà della Topologia dell’Essere quale campo metamorfico che dà ortogonalità all’abisso, dà la visione dell’Essere animato all’invisibile, dà ascolto al silenzio inaudito, dà seno al ”mithos” getta i sentieri dell’essere animato nell’Abgrundseyn, nel senza fondo delle fondamenta dell’Essere: il campo mitiko è la Gestellsein dell’Abgrundseyn, l’impianto della metastabilità che s’eventua nei sentieri dell’abisso.
La storia del “mithos” è la storia del campo sacro, quale intervarietà della topologia dell’essere animato.
Il campo sacro è la metastabilità, la Gestell dell’abisso, dell’Abgrundseyn, dell’interessere, dell’intervolto, dell’interfaccia ortogonale imperativo dell’aldilà che si eventua quale vuoto cosmico, radura dell’invisibile, silenzio dell’inaudito, indicibile.
Il campo sacro del “mithos” è la risonanza dell’eterno ritorno dell’Essere animato che si getta nella storia quale storia del “mithos”.
Il campo sacro del mondo è la Gestell nell’Abgrundseyn, quale ortogonalità imperativa senza fondo nell’aldilà, oltre l’orizzonte, oltre il tramonto della storia, oltre la fine della storia, oltre l’eclisse del mondo della storia classica.
Il campo sacro del “mithos”, la Gestell mitika, l’impianto mitiko ove l’Essere animato che avviene, si getta dall’aldilà, ci viene in-contro e si incontra nella Gegenseyn quale Essere aldilà che si presenza di fronte, davanti, dinnanzi quale intervolto, dell’invisibile, indicibile, inaudito del mito nella volontà di potenza metafisica influente, nell’Etica, nell’Estetica, nell’Ermeneutica.
Il campo del “mithos” sacro si presenta sempre aldilà della semplice teocrazia, quale volontà di potenza della metafisica ideale dell’aldilà, nella sua intervarietà di ontoteologia o Teontologia: evento che si incontra nei sentieri Seynweg della gettatezza dell’interessere animato quale intervolto interimmagine dell’Abgrundseyn, dell’Essere abissale che si in-contra nella radura topologica, nel vuoto ontologico, cosmico, nelle singolarità nichiliste della cronotopia e ontokronia immaginaria.
La differenza ontologica tra il campo sacro della storia mitika e la storia classica del “mithos” si eventua nella differenza tra la storia della volontà di potenza dell’Esserci metafisico e la storia della Topologia dell’Essere animato che ci viene incontro, che si in-contra, di fronte quale Gegenseyn dell’aldilà, dell’abisso, quale matastabilità, Gestell dell’Abgrundseyn.
La storia del campo sacro è la storia mitika dell’immagine dell’Essere che ci in-contra di fronte: intervolto dell’immagine, Interbild.
Il campo del “mithos” è la Bildseyn dell’abisso che ci sta sempre di fronte, ci abita e che ci in-contra quale aldilà.



Ma il campo sacro del “mithos”, si presenta anche quale metastabilità, impianto, struttura ontologica,in qualità di salvezza, cura, pensiero poetante della ontokronia della topology-dasein.
La storia del campo sacro del “mithos” è anche la storia dell’Essere al potere del mito: ma solo nella sua varietà di Bildseyn, di immagine dell’Essere animato, mai quale volontà di potenza della metafisica dell’immagine del mondo.
Anzi il campo sacro del “mithos” con la sua Bildseyn influenza la mondità, mai può essere soggetto, giacchè la sua fondatezza si disvela sempre dalla metastabilità dell’abisso, dell’invisibile, dell’indicibile, dell’inaudito, dell’aldilà che si presentano di fronte, davanti, in-contro alla mondanità, e si gettano nella sua fondatezza senza essere mai fondati.
In quel senso il campo sacro del “mithos” è libero, è più libero, dalle immagini del mondo: la storia mitika del “mithos” è la libertà dalla volontà di potenza della metafisica nichilista, della fine della storia; è più libera, giacchè abbandona le immagini del mondo per gettare in-contro le immagini dell’Essere animato.
Il campo mitiko non è stato, e non sarà mai una nuova metafisica, se mai è la Teontologia, senza essere ontologica: si eventua invece quale alterità, senza essere differenza, e quale relatività senza essere dispiegamento.
Il campo sacro del “mithos” è la radura ove si getta e si incontra sempre di fronte l’evento dell’immagine dell’Essere animato.
La storia del “mithos” è la storia dell’accadere della presenza, volontà e potenza dell’immagine dell’Essere che si dispiega dall’abisso, dall’aldilà, dall’invisibile, dall’indicibile, dall’inaudito: che decostruisce il tempo e l’immagine del mondo, dell’Esserci, della metafisica imperante nichilista.
Il campo sacro del “mithos” crea lo spazio alla Bildseyn che si eventua dalla metastabilità dell’Abgrundseyn, ma non dà fondatezza alla Grundseyn: si svela in-contro, di fronte, in relatività, quale immagine dell’Essere mai fondata, né fondabile dalla immagine del mondo, o dell’Esserci, o della ontokronia della topology-dasein: Teontologia della Bildseyn quale intervolto, intervarietà della Ikonaseyn del pensiero poetante.
Il campo sacro del “mithos” della ontokronia della topology-dasein è la storia della differenza del venirci in-contro dell’Essere e del suo gettarsi nel mondo, nella Physis cosmica: in qualità di immagine dell’Essere che si eventua, quale Essere animato metastabile dell’intervarietà dell’Abgrundseyn: nella sua varietà della semplice gettatezza nella storia dell’Esserci, o dell’Essere al mondo.
Mai mondo nell’Essere o volontà d’Essere mondità dell’immagine dell’Essere.
Daseyn e Bildseyn sono i sentieri del campo sacro del “mithos” ove si eventua l’in-contro la Gegenseyn della topology-dasein ontologica .
Lì la risonanza dell’Essere che ci in-contra, dà senso alla Teontologia, quale alterità della metafisica nichilista, in relatività con l’ontologia poetante della Physis .
La storia di quell’in-contro si in-contra nella risonanza della storia del “mithos”, quale storia dell’immagine d’Essere che si getta di fronte all’immagine del mondo o dell’Esserci: Bildsetn che si getta in-contro al Daseyn.
Il campo sacro del “mithos” della Physis è quella Topologia ove la storia mitika si eventua quale Bildseyn del Daseyn, ed anche dell’immagine del mondo, attraverso l’immagine dell’Essere animato in relatività con l’immagine dell’Essere che si getta dall’aldilà, dall’invisibile, dall’abisso, Abgrundseyn, indicibile, inaudito.



Ma il campo sacro del “mithos” della ontokronia della topology-dasein ontologica è anche la Topologia metastabile della Bildabgrundseyn: immagine dell’abisso dell’Essere o dell’Essere abissale che si getta nella storia del “mithos”.
In qualità di Bildabgrundseyn il campo sacro del “mithos” si metastabilizza in Bildgestellseyn, ikona della sua struttura ontologica, ove si eventua l’incontro tra l’Essere animato, Bildseyn e l’immagine dell’Esserci.
Il campo sacro del “mithos” della Physis è al tempo stesso stabile ed instabile: la sua stabilità è relativa all’Essere animato che si eventua quale essere mitiko: dall’abisso dell’Essere ci viene incontro e in-contra l’Esserci ed il mondo, la topology-dasein e la sua struttura ontologica.
E’ stabile nella Gestell dell’immagine dell’Esser mitiko ma instabile nell’Abgrundseyn intermittente la Gegenseyn,quale risonanza dell’Essere poetante della topology-dasein.
L’anfibologia del campo sacro del “mithos” dà alla sua Gestellseyn l’essenza della metastabilità in relatività con l’ontologia, quale Teontologia, in relatività con l’immagine dell’Esserci e del mondo quale teokrazia della storia classica del “mithos”.
Quella differenza è essenziale, perché crea la biforcazione tra l’immagine della storia mitika e l’immagine del mondo della storia del “mithos” della topology-dasein .
Il sentiero nel campo sacro del “mithos” dell’immagine della storia del “mithos” della Physis è stato interrotto, giacchè la storia si è dispiegata quale immagine della volontà di potenza della metafisica o teocrazia.
La Teontologia, quale immagine dell’Essere mitiko che si getta nella immagine della storia del “mithos” non è più presente né nel mondo, né nel sacro mondo, né nel mondo sacro, né nell’Esserci del sacro campo del “mithos” della topology-dasein .
Solo la libertà di ricerca eventuerà nel futuro un’immagine della storia del “mithos” quale gettatezza dell’Esser “mithos” animato, che si disvela dall’abisso dell’aldilà.
Solo così il campo sacro del “mithos” della Physis quale campo animato dell’immagine o interimmagine della storia del “mithos” eventua la storia del mondo animato, mentre fin’ora la storia del mito si è presentata nell’interpretazione dell’immagine del mondo imperativa ed influente, quale volontà di potenza metafisica sull’immagine della storia del mito della Physis.
Nella storia del “mithos” della Physis si eventua una interferenza: quale immagine della storia del campo sacro del “mithos” che dà la misura non solo al mondo, all’immagine del mondo, all’Esserci, alla vivenza, al nulla ma anche purtroppo all’essenza fondamentale dell’Essere, la storia mitika libera, esprime, disvela la verità, ma anche la occulta, la oblia, la kripta sotto la parvenza della cura, della latenza che custodisce conserva, accudisce, consacra e contempla.
L’interferenza ontologica nella differenza ermeneutica del capo sacro del “mithos” della topology-dasein dà la misura della sua volontà di potenza imperativa kategorica, ma anche la valenza dell’Esser mito quale sentiero, di libertà di svelatezza della libertà, di contemplazione che dekripta l’evento dell’incontro che ci incontra nel chiasma dell’Esser animato, quali immagine in relatività con l’Essere ontologico.
Quella interferenza che appare originariamente nel campo sacro del “mithos” della topology-dasein, ma anche si eventua in altri campi quale la Psychè o la Physis o la koinè, disvela la differenza ontologica tra l’Essere-sé dell’Esserci nel mondo e l’esser-sé quale Selbstsein: nella storia del “mithos” della topology-dasein c’è sempre la trivarietà della Topologia dell’Essere: Seyn, Daseyn, das Selbstseyn ove l’Esserci o l’Essere è indeterminato, ma sempre in relatività quale Daselbstseyn: Esserci sempre nell’Essere-sè e nell’Essere al di là dal sé, dal Selbstseyn, senza paradossi di identità o di principi logici di contradizione, anzi quelle evenienze non fanno altro che confortare l’imperativo categorico del campo sacro del “mithos” della topology-dasein.



L’interferenza di quella presenza, nel campo sacro del mito ontologico della storia mitika del “mithos” della topology-dasein dà la misura dell’ indeterminatezza, dell’invisibile, dell’infinitesimale, dell’indicibile, dell’inaudibile, del bene e del male, ma anche della das Selbstsein dell’adilà del bene e del male, dell’aldilà del mondo e del nulla, dell’aldilà del tempo e dello spazio, dell’aldilà della cronaca e della storia mitika, dell’adilà dell’etica e dell’estetica, dell’aldilà della guerra e della pace.
Nell’interferenza ontologica quelle varietà sono solo episodi eventuali dell’immagine del campo sacro del “mithos” che dà la misura dell’Esserci quale Essere-sé nell’Essere animato nel mondo animato, nella topology-dasein animata.
La storia mitica del “mithos” è creatrice di storia, non solo nel suo campo sacro del“mithos” della Physis, ma in generale e nel senso della globalità, quale evento della nuova libertà: libertà d’Essere animata in qualità di varietà della das Selbstsein: Esserci, Essere mitiko, Essere in relatività con l’Essere aldilà.
La nuova libertà d’Essere animata è creatrice di storia del campo sacro del “mithos” della topology-dasein , ma anche di quello immaginario, virtuale, ortogonale, metafisico influente nichilista, decostruttivo, ermeneutico, epistemico, etico, estetico, sinergetico.
Il campo sacro del “mithos” quale storia sacra del “mithos” della topology-dasein sarà così il fondamento della nuova libertà: libertà d’Essere contemporaneamente, quale das Selbstseyn, Esserci, Essere alterità nell’aldilà, Essere mitiko dell’Essere animato.
Il campo sacro del mithos così è, non l’unico, ma il più evidente nella creazione della storia, sia Gestell, sia Gegen-Gestell: o meglio, e di più, è il Gegen-Stell: l’impianto della storia mitika della topology-dasein, struttura ontologica che ci viene incontro dall’adilà, dall’alterità, ma che ci in-contra nel sentiero dell’Essere animato.
Il Gegen-Stell, la sua struttura ontologica, è la metastabilità che ci viene incontro, quale presenza che ci incontra nel campo sacro del “mithos” per impedire il declino nel nulla, nel kaos, nell’abisso, nell’Abgrundseyn.
http://www.lulu.com/giacinto53

Avatar utente
Fedecart
Messaggi: 522
Iscritto il: 09 mar 2008, 22:49
Località: Padova

Messaggio da Fedecart » 07 giu 2008, 03:41

E' filosofia questa roba? Boh sarò ignorante ma dopo 3-4 parole non capisco più nulla. Posso però dire con certezza che non assomiglia affatto alla matematica olimpica, problem solving, o fisica.

fph
Site Admin
Messaggi: 3657
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: in giro
Contatta:

Messaggio da fph » 07 giu 2008, 16:26

Ciao gpdimonderose, per favore dacci una prova di non essere un generatore markoviano... e se davvero non lo sei facci un riassunto. :)
--federico
[tex]\frac1{\sqrt2}\bigl(\left|\text{loves me}\right\rangle+\left|\text{loves me not}\right\rangle\bigr)[/tex]

Avatar utente
gpdimonderose
Messaggi: 50
Iscritto il: 06 giu 2008, 23:18
Località: florence
Contatta:

Messaggio da gpdimonderose » 07 giu 2008, 16:32

:shock:
Fedecart ha scritto:E' filosofia questa roba? Boh sarò ignorante ma dopo 3-4 parole non capisco più nulla. Posso però dire con certezza che non assomiglia affatto alla matematica olimpica, problem solving, o fisica.
:arrow: :idea: :?: :!: :twisted: :evil: :shock: è ontology della fisica o della matesis, non semplice epistemica o pensiero calcolante.....grazie e alla prossima............. :arrow: :idea: :?: :!: :evil:
http://www.lulu.com/giacinto53

Avatar utente
gpdimonderose
Messaggi: 50
Iscritto il: 06 giu 2008, 23:18
Località: florence
Contatta:

Messaggio da gpdimonderose » 07 giu 2008, 16:36

fph ha scritto:Ciao gpdimonderose, per favore dacci una prova di non essere un generatore markoviano... e se davvero non lo sei facci un riassunto. :)
ah la stok...astika...........in semplici parole amaricane è ontology physis e ontology-matesis, c'è una fondatezza non fisica della fisica, al di sotto della regione di planck.............forse la topologia fluttuante, le supercorde......ah saperlo....chiaro?
http://www.lulu.com/giacinto53

Xalexalex
Messaggi: 46
Iscritto il: 09 mag 2008, 22:42

Messaggio da Xalexalex » 07 giu 2008, 17:37

Antani?

AndBand89
Messaggi: 179
Iscritto il: 10 mar 2008, 18:17
Località: San Giovanni al Natisone(diciamo Udine dai)

Messaggio da AndBand89 » 08 giu 2008, 16:02

...io proporrei l'eutanasia per certa gente, visto che tanto bene non deve stare

Avatar utente
gpdimonderose
Messaggi: 50
Iscritto il: 06 giu 2008, 23:18
Località: florence
Contatta:

Messaggio da gpdimonderose » 08 giu 2008, 17:53

Xalexalex ha scritto:Antani?
:arrow: :idea: :?: :!: :twisted: :evil: :shock: anta....ni o nè?
http://www.lulu.com/giacinto53

Avatar utente
gpdimonderose
Messaggi: 50
Iscritto il: 06 giu 2008, 23:18
Località: florence
Contatta:

Messaggio da gpdimonderose » 08 giu 2008, 17:55

AndBand89 ha scritto:...io proporrei l'eutanasia per certa gente, visto che tanto bene non deve stare
:evil: :twisted: :!: :?: :idea: :arrow: :shock: eu...thanatos.....ade?
http://www.lulu.com/giacinto53

marcuz
Messaggi: 70
Iscritto il: 26 feb 2007, 21:54
Località: Pisa
Contatta:

Messaggio da marcuz » 08 giu 2008, 19:01

Ciao Giacinto.
Ho letto qualche rigo del tuo scritto ma è assolutamente fuori dalle mie possibilità di comprensione attuali (faccio solo un po' di storia della filosofia al liceo). Ho provato altre volte a leggere dei testi di filosofia contemporanea e il risultato è stato lo stesso.

Perchè hai pubblicato il tuo lavoro su questo forum? È un modo di prendersi gioco di chi non ha i tuoi stessi interessi culturali o speravi veramente di trovare interlocutori? Nel primo caso la tua immaturità, nel secondo la tua ingenuità, smentirebbero la tua ipotetica intelligenza...
Nessun uomo è un'isola (J. Donne)

iactor
Messaggi: 53
Iscritto il: 25 apr 2007, 16:49

Messaggio da iactor » 09 giu 2008, 13:40

prematurata sinistra?

Avatar utente
gpdimonderose
Messaggi: 50
Iscritto il: 06 giu 2008, 23:18
Località: florence
Contatta:

Messaggio da gpdimonderose » 09 giu 2008, 19:18

marcuz ha scritto:Ciao Giacinto.
Ho letto qualche rigo del tuo scritto ma è assolutamente fuori dalle mie possibilità di comprensione attuali (faccio solo un po' di storia della filosofia al liceo). Ho provato altre volte a leggere dei testi di filosofia contemporanea e il risultato è stato lo stesso.

Perchè hai pubblicato il tuo lavoro su questo forum? È un modo di prendersi gioco di chi non ha i tuoi stessi interessi culturali o speravi veramente di trovare interlocutori? Nel primo caso la tua immaturità, nel secondo la tua ingenuità, smentirebbero la tua ipotetica intelligenza...
:!: :?: :idea: :arrow: :twisted: :evil: :shock: le vie del forum sono infinite...o transfinite....ah apeiron
http://www.lulu.com/giacinto53

Avatar utente
gpdimonderose
Messaggi: 50
Iscritto il: 06 giu 2008, 23:18
Località: florence
Contatta:

Messaggio da gpdimonderose » 09 giu 2008, 19:20

iactor ha scritto:prematurata sinistra?
...il genio....mozart....non ha età...è senza tempo, è senza fine.....
http://www.lulu.com/giacinto53

Avatar utente
manliobarone
Messaggi: 144
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Saturno

Messaggio da manliobarone » 09 giu 2008, 19:58

mmm, scusami, ma la fisica, a mio modesto parere, non si fa con l'epistemologia. Essa serve soltanto a tentare di dare una spiegazione "ontologica" a qualcosa che è stato già scoperto.
Scopo ultimo dell'epistemologia, era, infatti, quello di individuare un meccanismo univoco attraverso il quale risolvere, induttivamente, qualsiasi problema.
Ciò, però, non ha portato a grandi risultati.
[url=http://userbarmaker.com/:2ss5vsuf][img:2ss5vsuf]http://img339.imageshack.us/img339/9963/101193326054vv3.png[/img:2ss5vsuf][/url:2ss5vsuf]
[url=http://userbarmaker.com/:2ss5vsuf][img:2ss5vsuf]http://img174.imageshack.us/img174/9177/1001186257051rb1.png[/img:2ss5vsuf][/url:2ss5vsuf]
[b:2ss5vsuf]Membro Club Nostalgici[/b:2ss5vsuf]

matteo16
Messaggi: 303
Iscritto il: 10 dic 2007, 21:16

Messaggio da matteo16 » 09 giu 2008, 21:42

non ho capito molto di quello che ha scritto ma penso si riferisse alla separazione che sta avvenendo tra
la fisica dell'essere da quella che si sta trasformando in fisica del mito
una fisica più immaginaria che reale, dove il nous viene meno, la mente si perde e divaga nella fantasia
penso che si riferisse più o meno a questo
e più specificamente penso(ma sono solo supposizioni le mie) che si riferisse alla nuova fisica, alla fisica contemporanea, molto meno concreta e concepibile di quanto non sia per esempio la fisica classica
disciplina che si avvicina di più al valore ontologico del'essere
all'ousia dell'essere(tanto per usare dei paroloni)
non la materia sinolo di potenza ed atto come direbbe Aristotele
ma probabile atto o entrando nel particolare della fisica contemporanea
doppio atto da una singola possibilità in una realtà ontologica non certa, indeterminata

Bloccato